COSA E' IL LUSSO?

L'OGGETTO DEL DESIDERIO

2016-03-02

La definizione di lusso sfugge al calcolo quantitativo, innanzitutto alla quantità di denaro. Chi si lascia sedurre dal lusso è catturato dal desiderio di naufragare in una bellezza che oltrepassa il gusto soggettivo e possiede una sua universalità. Il lusso è un qualcosa slegato alla mera praticità, eppure ci è necessario per dirci che non siamo macchine. Il lusso, che non è necessariamente un oggetto, ricorda all'uomo la sua dignità in quanto persona. L'utile non ci basta, c'è in noi un'esigenza di oltrepassare la massificazione attraverso la bellezza, e la bellezza è, consapevolmente o meno, legata all'Eterno. Chi riconosce ciò che davvero è lusso, ama la bellezza e ne fa un principio fondamentale di esperienza di vita. Nell'oggetto di lusso c'è un desiderio di assoluto, la visione di una bellezza che, raggiungendo una propria ideale perfezione, oltrepassa qualsiasi dominio dell'utile sulla qualità estetica. Il lusso sembra superfluo, eppure ci è necessario per cogliere e, vivere, il senso più alto della bellezza. E' un lusso poter avere del tempo libero per una certa vacanza, è un lusso avere una bella famiglia, unita, ed è un lusso anche un oggetto che raggiunge un alto vertice di artigianalità e di preziosità dei materiali. Ma perchè ci attrae? Cosa cerchiamo in esso? A cosa serve il lusso? A niente... a cosa servono i fiori? A cosa serve l'arte? La bellezza non 'serve' e proprio perchè non serve illumina il senso della vita. Dostoevskij, ne I Demoni: 'L'umanità può vivere senza la scienza, può vivere senza il pane, ma soltanto senza la bellezza non potrebbe più vivere, perchè non ci sarebbe più nulla da fare al mondo. Tutto il segreto è qui, tutta la storia è qui'. E' lussuoso tutto ciò che è raro. La radice del termine è lux, il lusso rende visibile il bene, che può essere una cosa buona, come può essere l'amicizia, la filìa, o un oggetto fatto bene, con ordine, proporzione e misura, dunque bello. Il lusso ci aiuta al distacco da una dimensione orizzontale, piatta della vita, per elevarci a più alti orizzonti.

˙