La vita è meravigliosa!

cambiamo il destino facendo del bene

2018-02-20

Qualcuno ricorderà il film di Frank Capra, uno dei capolavori della storia del cinema, che racconta la storia di un ragazzo di una piccola cittadina americana, George Bailey, col desiderio di viaggiare e conoscere il mondo, desiderio sempre frustrato da circostanze avverse. Crescendo, George Baily, diventa un uomo generoso, allegro, si sposa con una brava ragazza e ha parecchi figli. Gestisce insieme allo zio una cooperativa di risparmio che dà credito a piccoli imprenditori e famiglie. La sua vita è una scia di gesti buoni: salva suo fratello dall’annegamento, un signore dall’assumere un veleno. Suo fratello diventerà poi pilota militare e nella Seconda Guerra Mondiale salverà la vita di centinaia di soldati da un kamikaze giapponese. Insomma il bene che lui fa si traduce in una larga scia di benessere sociale. Suo antagonista è Henry Potter, l’uomo più ricco di Bedford Falls, un uomo vecchio e avido, che disprezza i poveri e odia George Baily. Il caso vuole che pochi giorni prima di Natale il socio di Baily, incaricato di versare ottomila dollari, per sbadataggine perda di vista il denaro che finisce in mano al terribile Henry Potter, il quale non lo restituisce e sfrutta la cosa per rovinare Baily.

George Baily è in preda alla disperazione e sta pensando di suicidarsi, si augura di non essere mai nato, vede tutto nero. Ed è a questo punto che dall’Alto vedono la sua situazione e San Giuseppe incarica un angelo, Clarence, di salvarlo. L’angelo mostra a Baily come sarebbe stata Bedford Falls senza di lui. Suo fratello sarebbe morto e non avrebbe salvato quei soldati, sua moglie sarebbe rimasta zitella, il farmacista sarebbe morto ingoiando il veleno, e la città sarebbe caduta nelle mani di Henry Potter, diventando uno squallido luogo di gioco d’azzardo, prostituzione e alcolismo. Tutti i suoi vecchi amici, che lui va a visitare e che non lo riconoscono, sono o tristi o aggressivi.

Alla fine del viaggio George comprende la lezione, l’angelo lo riporta alla realtà, al presente, al giorno di Natale dove sta accadendo un altro miracolo. La cittadina si è mobilitata e ha fatto una colletta per recuperare gli ottomila dollari.

Tra poco ci saranno in Italia le elezioni. La politica può e deve fare molto, ma le forze che possono trasformare la società per davvero sono la famiglia e le singole persone nei loro gesti piccoli di bene e generosità. Il bene si diffonde, diceva San Tommaso d’Aquino.

Diceva Nicolas Cage in the family man, a Téa Leoni, la ragazza che non ha sposato per seguire la carriera, “ho visto quello che potremmo essere da soli (avrebbero infatti avuto successo, sarebbero diventati ricchi, da soli), ma preferisco quello che potremmo essere assieme” (un angelo infatti gli aveva fatto provare per un certo tempo la vita di famiglia con lei). Da un secolo è stato propagandato l’individualismo, ma questo non paga davvero, non dà gioia. Purtroppo l’avidità, quanto la gente sia attaccata al denaro si vede nel lavoro, quotidianamente. Quasi nessuno fa qualcosa in più, di gratuito, di generoso. Ma una società così è del demonio!

Cerchiamo di fare il bene e di essere generosi, anche poco, in questo modo saremo capaci di cambiare il destino di molti intorno a noi e riceveremo di certo una ricompensa, in questa vita e nell’altra!

(Maximiliano Cattaneo)

˙